La favola della volpe Feldinho

Un giorno un bambino si recó a fare visita ai nonni, risiedevano in una casa di montagna a ridosso di un misterioso bosco, la gente del luogo lo descriveva come magico, abitato da animali di tutte le razze, il bambino  spesso si fermava a fissarlo per cercare di  immaginare quali sarebbero potute essere le specie animali che lo  frequentassero. Cosi facendo, mentre calciava al pallone, tiró cosi forte da perderlo di vista. Il piccolo, pensò e ripensó, ma poi vinto dalla curiosità della sua giovane etá si incamminò verso il bosco alla ricerca della palla; camminò tanto, passarono ore e del pallone nessuna traccia. Quando fu quasi vinto dalla stanchezza sentí dei rumori e avvicinandosi sempre piú avvertiva voci, come di bambini che stessero giocando al calcio. All’improviso dietro un’alta siepe, scorse due enormi  querce secolari che facevano da porta calcistica ad un prato verde e gioioso di fiori, con una sagoma scura che si dimenava e saltava da una parte all’altra, come un portiere professionista, era una pantera. Il bimbo non poteva credere ai suoi occhi, tra paura e curiositá, fece ancora qualche passo in avanti e vide che dall’altra parte del prato vi erano in fila un leone, una giraffa, un ippopotamo, un elefante. Ma come era possibile in montagna questi animali..?? allora la storia del bosco magico era vera…??…mentre era li a trovare risposta a ciò che i suoi occhi stavano vedendo, si accorse che era in atto una gara di tiri liberi al portiere pantera….Tira il leone con la sua fierezza, ma nulla fatto….allora fu il turno della giraffa, ma anche a lei la pantera non lasciò passare la palla; allora fu la volta dell’ippopotamo che dopo una lunga ricorsa e con il suo grande faccione colpí perfettamente il pallone, ma il balzo felino del portiere pantera negò il goal; l’elefante abbandonò la gara, era impossibile far goal.. Mentre avveniva tutto ciò, si avvicinava fischiettando e con aria sicura  un altro animale dal muso lungo con una splendida e folta coda….era una volpe..!!..il bambino continuava ad assistere a questo gioco surreale, illogico…che stava accadendo sotto i suoi occhi. La pantera fiera del suo successo vedendo arrivare la volpe, gli urló…!!!.. dai prova anche tu..!!…La volpe furba e attenta ebbe un attimo di esitazione poi accettò la sfida….Posizionò la palla, guardò negli occhi la pantera e dopo una breve rincorsa, colpi il pallone che con una parabola ad effetto, a mo.. dei migliori professionisti, che si collocó nel’angolo piú alto della porta, lasciando la pantera di stucco. Tutti gli animali urlarono goal..!!…goal…!! e spontaneamente anche il bambino entrato nel clima della sfidá si lasciò andare…GOAL..!!..GOAL..!!…Cosi si accorsero della sua presenza, ci fu un attimo di silenzio, tutti erano pronti a scappare, ma il leone si rivolse al bambino, particolarmente spaventato dal re della foresta e gli disse: non avere paura, finché riuscirai a sognare, tu ci incontrerai sempre, sarai felice e potrai rendere il mondo un posto migliore….il bambino ancora un pò spaventato ed incredulo si fece coraggio e disse:….finché vivrò…. la mia immaginazione e i miei sogni non mi abbandoneranno mai……ma qual’è il nome della volpe, furba e scaltra, capace di fare goal alla pantera..??…FELDINHO…!!!..il bambino dopo queste parole raccolse la palla, e salutando tutti i suoi nuovi amici, ritornó a casa, sperando di incontrare ancora una volta  la volpe goleador , che aveva stupito un ‘intero bosco.

Oggi tutti possono incontrare con la volpe Feldinho, mascotte ufficiale della Feldi Eboli C5, durante ogni gara interna, in quanto sará protagonista di giochi e sorprese per tutti i bambini dalla grande immaginazione e dai sogni felici.

GALLERY FELDINHO & FRIENDS