FELDI EBOLI – ITALSERVICE PESARO 7-5. TRIS ARRIETA, BASILE: “QUALITA’ E CUORE”

“Corri, suda e lotta per la maglia, ogni gara è una battaglia”. La curva rossoblù accoglie ed incita i suoi beniamini, sul parquet del PalaDirceu si sfidano Feldi Eboli e Italservice Pesaro, ospiti di certo una delle formazioni più temibili e candidata alla vittoria finale. Basile deve fare a meno di Fornari, mentre Pedotti e Frosolone non sono al meglio; tra le fila ospiti risulta assente Caputo.

BOTTA E RISPOSTA – Gara che parte come da previsioni: il Pesaro prova a prendere campo e la Feldi Eboli cerca di tenere alto il baricentro. Le prime sortite arrivano dalla distanza, con Laion a fare buona guardia, mentre Andrè ottimamente imbeccato trova l’incrocio a sinistra di Miarelli. E’ batti e ribatti, ripartenza col trio Bocao-Andrè-Arrieta con quest’ultimo che scaglia a metà tra assist e tiro, di poco a lato. Josiko è tra i più  in contropiede fermato ottimamente da Miarelli. La rete è nell’aria, ci pensa Frosolone timbrando il primo cartellino stagionale. La gioia non dura troppo, meno di un giro di lancette e arriva la risposta del Pesaro con Borruto che insacca sugli sviluppi di un calcio di punizione. Allo scadere ancora miracolo di Miarelli su Bocao evita il vantaggio, finisce in pari la prima frazione.

ARRIETA CALA IL TRIS – Un missile di punta porta la targa di Romano e si insacca alle spalle di Miarelli ad inizio ripresa, il vantaggio rossoblù dura nuovamente meno di un minuto, è Honorio ad insaccare sempre su sviluppo da calcio da fermo. Da rivedere alcuni meccanismi difensivi specie su palla inattiva, di certo anche la sorte ci mette lo zampino quando Toninandel trova il vantaggio. La dea bendata però torna a vederci bene quando Miarelli è sfortunato a ribadire nella propria rete la conclusione di Andrè da corner finita sul palo: 3-3 e tutto nuovamente in gioco. Il clima al PalaDirceu è infuocato, diventa una bolgia quando Josiko sfrutta appieno un corner per il momentaneo vantaggio. Eh sì perché non c’è tempo di rifiatare che Bocao si vede sventolare il secondo giallo per un presunto fallo al limite dell’area, il secondo arbitro fischia il rigore, Salas spiazza Laion e mostra l’orecchio alla tribuna rossoblù. Fischi ad oltranza per il pari della squadra di Colini. Ma l’ululato dell’impianto ebolitano si trasforma in uno scroscio di voci festanti quando Arrieta approfitta della sortita in area a seguito di un corner: 5-4 a 14’34’’s.t. C’è ancora da soffrire! Lenisce la pena l’espulsione di Salas, il paraguaiano tarda l’uscita sommerso dai fischi, espiando lo sberleffo offerto sul momentaneo pari. La superiorità numerica offre ai magic five di Basile l’occasione giusta, Scigliano suggerisce, Arrieta firma la doppietta che sancisce il doppio vantaggio. Taborda resta a difesa dei pali, sostituendo Miarelli e cercando la giocata giusta, ma l’argentino non è domo e pressa fin sulla linea avversaria firmando la tripletta, standing ovation per il 7-4 di Arrieta. Il Pesaro riduce le distanze con Borruto, ma ormai non c’è più tempo, la sirena finale è un dolce gong che dà il via alla gioia di capitan Pedotti e compagni.

“ONORE ALLA FELDI” – Disamina lucida del tecnico avversario, Fulvio Colini: “Merito all’avversario, la Feldi Eboli ha mostrato di essere più in palla questa sera, nella seconda frazione gara aperta poi la squadra di Basile ha dato la sterzata decisiva”

“CUORE OLTRE L’OSTACOLO” –  Entusiasta dei suoi mister Basile: “I ragazzi hanno dato tutto quello che avevano, stringendo i denti nei momenti più difficili e gettando il cuore oltre l’ostacolo quando possibile. Dopo essere stati avanti per due volte, abbiamo reagito bene al loro vantaggio, mi è piaciuta la squadra sia dal punto di vista atletico che tattico, direi che tatticamente siamo stati perfetti in fase offensiva. Godiamoci questa serata magica, da domani si pensa alle prossime sfide”

SOTTO A CHI COPPA – Si torna in campo martedì 13 novembre in casa dei lucani del Signor Prestito CMB, sul campo della formazione di A2 per strappare il pass al turno successivo di Coppa Della Divisione. La Serie A torna venerdì 23 novembre, quando al Pala Santa Filomena di Chieti si sfideranno Acqua&Sapone Unigross e Feldi Eboli per l’ottava uscita di campionato.

FELDI EBOLI-ITALSERVICE PESARO 7-5 (1-1 p.t.) 
FELDI EBOLI: Laion, Romano, Arrieta, Bocao, André,
 Frosolone, Josiko, Scigliano, Pedotti, Nigro, Caponigro, Fortunato, Lettieri, Pasculli. All. Basile
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Salas, Honorio, Taborda, Marcelinho, Del Grosso, Tonidandel, Fortini, Borruto, Borrea, Mateus, Elenilson, Polidori, Morganti. All. Colini
MARCATORI: 15’25’’ p.t. Frosolone (F), 16’05’’ Borruto (P), 3’10’’ s.t. Romano (P), 4’03’’ Honorio (P), 7’30’’ Tonidandel (P), 9’59” aut. Miarelli (P), 11’12” Josiko (F), 11’39” rig. Salas (P), 14’34”, 16’55” e 19’02” Arrieta (F), 19’32” Borruto (P)
AMMONITI: Bocao (F), Mateus (P), Pedotti (F), Marcelinho (P)
ESPULSI: Bocao (F) all’11’38” del s.t. per somma di ammonizioni, Salas (P) al 15’27” del s.t. per comportamento scorretto
ARBITRI: Carmelo Loddo (Reggio Calabria), Giovanni Zannola (Ostia Lido) CRONO: Giuseppe Galasso (Avellino)

 

 

ufficio stampa Feldi Eboli

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento