FELDI EBOLI FERMA AL PALO. IL MANFREDONIA STRAPPA UN PUNTO AL PALASELE

Nessuna vittoria nelle ultime tre partite. E’ un periodo particolare per la Feldi Eboli che nonostante la qualità del gioco e della occasioni create non riesce a dare il colpo del ko al Vitulano Drugstore Manfredonia, che strappa un punto d’oro al Palasele di Eboli nella gara valevole per l’8^ giornata si Serie A New Energy.

Termina 3-3 una sfida ricca di spettacolo, episodi e una serie di legni colpiti dalle volpi ebolitane. Rammarico per i ragazzi  di Serginho Schiochet che restano nel trenino di squadre in lotta per la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia.

UNO SCHIAFFO  DA LA SVEGLIA – Dal Cin, Trentin, Calderolli, Bissoni, Murilo sono le scelte di Schiochet. Lupinella, Well, Crocco e due dei tre ex, Boaventura e Canabarro, per mister Monsignori. Il match dopo un inizio tranquillo vede il Manfredonia prendere campo e trovare lo spazio giusto per colpire la compagine ebolitana con il gol di Well che parte in un’azione solitaria e scaglia un destro imparabile.  La reazione è affidata a Caponigro che coglie il primo palo della serata. La Feldi però si è risvegliata dopo il gol subito e con capitan Romano imbecca ancora Vincenzo Caponigro. Stavolta nessun legno ferma il numero 7, che rimette le cose in pari, proprio lui che in settimana aveva suonato la carica ai microfoni della società. Passano pochi minuti e le volpi trovano l’uno-due che apparentemente mette in discesa la gara. Prima il tap-in di Pesk e poi il tiro libero di Trentin portano i rossoblù al riposo con il vantaggio di 3-1.

VECCHIE VOLPI  – L’ex Caruso non incide e sono le due altre vecchie volpi ebolitane che si prendono la scena. Infatti è Rodrigo Canabarro ad accorciare le distanze in apertura di ripresa, segnando il suo primo gol stagionale proprio ai suoi ex compagni. La gara è molto equilibrata ma l’altra vecchia conoscenza rossoblù, Marco Boaventura, si iscrive al tabellino dei marcatori trovando il diagonale che vale il pareggio per i pugliesi. Le cose però si complicano per gli ospiti quando Cutrignelli ferma irregolarmente una ripartenza rossoblù  e viene ammonito. Pochi secondi e l’arbitro cambia decisione sventolando il cartellino rosso, con il Manfredonia che resta in inferiorità numerica per due minuti. I pugliesi si difendono e la Feldi Eboli non sfrutta il momentaneo vantaggio. Serignho Schiochet decide allora di giocare anche il portiere di movimento ma nel finale succede di tutto. Prima è Sergio Romano a colpire una traversa incredibile, poi l’ex Boaventura rischia l’autogol. Ma, l’episodio più clamoroso arriva a 10 secondi dalla fine nel momento di maggior sforzo per la Feldi Eboli. Proprio nel clou della ricerca del vantaggio, Ricardo Caputo, atleta esperto e plurititolato nel calcio a 5, lascia cadere furbescamente una bottiglietta d’acqua per interrompere il gioco. Il futsalero viene richiamato platealmente dall’arbitro ma il direttore di gara gli evita un’espulsione che non avrebbe gridato di certo allo scandalo. Finisce 3-3.

PIU’ TRANQULLITA’ – Al termine della gara mister Serginho Schiochet analizza lucidamente il momento della squadra: “Prima parte male, seconda parte siamo migliorati e l’abbiamo recuperata. Non ci aspettavamo qualche errore che ha compromesso la gara e ora dobbiamo confrontarci e parlarne. Sono troppe partite che non troviamo la vittoria. – spiega il tecnico verdeoro – Mi aspettavo sicuramente più punti a questo punto della stagione e so che possiamo farli, per questo dobbiamo confrontarci per lavorare diversamente, soprattutto dobbiamo stare tranquilli nella testa”

Il tecnico del Manfredonia, Massimiliano Monsignori esprime soddisfazione per il pareggio: “Partita strana. Siamo partiti bene nel primo tempo ma poi abbiamo commesso troppe ingenuità. Nel secondo tempo abbiamo giocato molto bene, potevamo anche portarla a casa ma alla fine il risultato di parità è giusto. Stiamo lavorando per adattarci a questa categoria e piano piano ci riusciremo”

Nel prossimo match, in programma il 20 novembre, per la Feldi Eboli ci sarà la durissima trasferta contro i vice campioni d’Italia del Meta Catania Bricocity, una grande occasione per rialzare la testa e lanciare un segnale forte agli avversari.

FELDI EBOLI – VITULANO DRUGSTORE C5 MANFREDONIA 3-3 (3-1 pt)
FELDI EBOLI: Dal Cin, Trentin, Calderolli, Bissoni, Schiochet, Romano, Caponigro, Pesk, Senatore, Melillo, Vavà, Selucio, Glielmi, Pasculli. All. Schiochet

VITULANO DRUGSTORE MANFREDONIA: Lupinella, Well, Crocco, Boaventura, Canabarro, Pesante, Caputo, Cutrignelli, Raguso, Persec, Boutabouzi, Caruso, Soloperto, Bartilotti. All. Monsignori

MARCATORI: 8’35” p.t. Well (VDM), 14’18” Caponigro (FE), 15’30” Pesk (FE), 17’26” t.l. Trentin (FE), 2’16” s.t. Canabarro (VDM), 11’39” st Boaventura (VDM)

AMMONITI: Selucio (FE), Raguso (VDM), Canabarro (VDM), Cutrignelli (VDM), Schiochet (FE)
ESPULSI: Cutrignelli (VDM)

ARBITRI: Vincenzo Cannistrà (Catanzaro), Gennaro Cefalà (Lamezia Terme) CRONO: Giovanni Beneduce (Nola)

 

Filippo Folliero – Ufficio Stampa Feldi Eboli

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento